“I nostri bordi

si toccano

senza dubbio

in qualche misterioso luogo

e questo  è

quello che ci mantiene

infermamente vivi”

                     R. Ukmar

  • Il cammino dell'uomo Un simpatico e antico aneddoto ripreso da Martin Buber in “Il cammino dell’uomo” racconta: “C’era una volta uno stolto così insensato che era chiamato Golem (stupido, uomo senza intellig...
  • La cura dell'ombra “La cura dell’Ombra, da una parte è un problema morale, cioè il riconoscimento di quello che abbiamo rimosso (…) Da un’altra parte, la cura dell’Ombra è un problema d’amore.  Fino ...
  • L'importanza di riconoscersi fragili “La coscienza della nostra fragilità, della nostra debolezza e della nostra vulnerabilità rende difficili e talora impossibili le relazioni umane: siamo condizionati dal timore di non essere ...
  • Le parole che ci fanno vivere “…Ci sono parole che fanno vivere E sono parole innocenti La parola calore e la parola fiducia Amore giustizia e libertà. Le parole bambino e gentilezza E certi nomi di fiori e di ...
  • L'insostenibile leggerezza dell'Esserci Scrive Heidegger: “L’analisi dell’essere-nel-mondo ha reso chiaro che non è dato innanzitutto, e non è mai dato, un soggetto senza mondo. Allo stesso modo non è mai dato, innanzitutto, un io ...
  • La paura di vivere Tremo di paura da quando sono nato e il tremore non si addomestica. Andrò via senza padroni, senza soci di furbizia. Sono qui con i fili tutti scoperti, scrivo e vivo in bella vista, ...
  • L'animalità dell'uomo È l’animale, tutto, nello sguardo volto all’Aperto: fuori del tempo, nello spazio immenso. Ma gli occhi abbiamo, noi, come riversi: e tesi, al par di reti, a imprigionare il suo li...
  • La leggenda di Artaban Chi era Artaban? E che cosa racconta la sua storia? La tradizione cristiana è ricca di leggende sul quarto Re Magio, la più nota è quella scritta da Henry Van Dyke, pastore della Chiesa pre...
  • I vecchi dovrebbero essere esploratori Casa è da dove si parte. Invecchiando il mondo diventa più estraneo, lo schema più complicato di morti e vivi. Non il momento intenso isolato, senza prima né dopo, ma una vita che bruc...
  • Il bambino che è in noi Nella notte dell’inverno, galoppa un grande uomo bianco. È un pupazzo di neve con una pipa di legno un grande pupazzo di neve perseguitato dal freddo. In una piccola casa entra...
  • Lo straniero “L’intruso non è nessun altro se non me stesso e l’uomo stesso. Non è nessun altro se non lo stesso che non smette mai di alterarsi, insieme acuito e fiaccato, denudato e bardato, intruso nel ...
  • Bisogno di infinito “Ho licenziato Dio Gettato via un amore Per costruirmi il vuoto Nell'anima e nel cuore”                  ...
  • Apologia della noia “Il tedio… Pensare senza pensare, con la stanchezza di pensare; sentire senza sentire, con l’angoscia di sentire; non volere senza che non si voglia, con la nausea di non volere – tutto questo...
  • Malinconia «La malinconia è il prezzo della nascita dell’eterno nell’uomo».                      ...
  • L'esperienza del dolore Ieri ho sofferto il dolore, non sapevo che avesse una faccia sanguigna, le labbra di metallo dure, una mancanza netta d’orizzonti. Il dolore è senza domani, è un muso di cavallo che...
  • Il potere di non fare “Ci sono due forme di potenza. La potenza positiva è la potenza di fare qualcosa. La potenza negativa è invece la potenza di non fare – di dire no, per esprimerci con Nietzsche. Questa potenza n...
Massimiliano Cau

Sono uno psicologo, psicoterapeuta e analista di formazione junghiana.

Dopo  la maturità scientifica, mi sono laureato in Psicologia con indirizzo clinico e di comunità presso l’Università degli Studi di Torino.  Quindi mi sono specializzato in psicoterapia presso la Scuola di Psicoterapia Analitica LI.S.T.A. di Milano.

Nel mio percorso formativo ho approfondito i temi della Psicologia Analitica fondata sul pensiero e la prassi di Carl Gustav Jung.

Dopo una prima esperienza professionale nell’ambito della gestione e selezione delle risorse umane, mi sono occupato per diversi anni di progettazione e coordinamento di servizi socioassistenziali presso enti no profit nelle province di Vercelli e Torino.

Da un paio di anni conduco in collaborazione con l’Associazione di Volontariato Stop Solitudine interventi di educazione sentimentale presso istituti scolastici della provincia di Novara.

Attualmente sono il coordinatore della formazione presso una cooperativa sociale della provincia di Vercelli e svolgo attività di supervisione agli operatori sociosanitari di una RSA.

Sono referente psicologo del progetto “Presa in carico psicoterapeutica di pazienti con disturbo da gioco d’azzardo e loro familiari” presso il Servizio delle Dipendenze dell’ASL di Vercelli. Inoltre, svolgo attività di  consulenza psicologica per Eudaimon SpA, azienda vercellese che si occupa di welfare aziendale.

Esercito da quest’anno anche attività di supervisione agli allievi  della scuola di Psicoterapia Analitica L.I.S.T.A. di Milano.

Lavoro prevalentemente con adolescenti e adulti. Da qualche anno ho  intrapreso un training teorico e esperienziale in Sandplay Therapy con l’obiettivo di ampliare il mio ambito di intervento all’infanzia e promuovere questa preziosa pratica analitica nel mio territorio.

Sono membro di MetisAfrica Onlus, un’associazione di volontariato veronese che si occupa di  progetti di micro-cooperazione in Mali presso la popolazione Dogon e attività di promozione interculturali finalizzate all’accoglienza e al sostegno dei minori migranti e delle loro famiglie in ambito sociale, educativo e sanitario.

Ricevo privatamente presso il mio studio a Caresanablot (VC) in piazza Don Pollo 2A.

Sono fermamente convinto  che la relazione di cura sia primariamente un processo di conoscenza e sviluppo del potenziale terapeutico che esiste dentro ognuno di noi


Iscritto all’ Ordine degli Psicologi del Piemonte  n. 4026 del 20/09/2004 


Per prendere appuntamento:

cell. 347-7660555

infopsi@massimilianocau.it